Progetto educativo

Il progetto educativo Montessori

Il progetto educativo montessoriano si fonda sulla profonda conoscenza dell’essere umano nel suo svolgersi della vita.

Ogni fase ha delle specificità diverse e bisogni diversi. Educare, secondo Maria Montessori, significa favorire lo sviluppo della vita, in tutti i suoi aspetti, affettivo, sociale, relazionale, cognitivo, … Quindi ogni luogo montessoriano che accolga bambini deve rispondere con grande precisione ai bisogni della fascia d’età a cui si rivolge.

Solo una profonda corrispondenza tra bisogni e risposte garantisce un comportamento educativo favorevole a ciascun individuo e quindi uno sviluppo armonico della personalità.

I 4 piani di sviluppo

Sono le tappe fondamentali della crescita dell’individuo: dalla nascita, all’età adulta. Maria Montessori ne indica 4

  • Da 0 a 6 anni – piano dell’infanzia

  • Da 6 a 12 anni – piano della fanciullezza

  • Da 12 a 18 anni - piano dell’adolescenza

  • Da 18 a 24 anni - piano della maturità

Per ciascun piano Maria Montessori ha individuato caratteristiche, attitudini, esigenze e necessità dell’essere umano e tenendo conto di ciò, per ciascun piano ha elaborato un progetto educativo che ha come obiettivo unico l’aiuto alla vita, che nel suo svolgersi si modifica e si trasforma.

Il 1° piano – l’infanzia: è il momento di maggior delicatezza e vulnerabilità ma anche il più formativo e determinante nello sviluppo dell’essere umano. In particolare i primi tre anni di vita costituiscono una fase straordinariamente importante per lo sviluppo del bambino.

I bisogni del bambino da 0 a 3 anni

  • Essere ascoltatoascolto e interpretazione dei segnali, capacità di accoglienza dei bisogni: su questo si fonda la base solida della fiducia negli altri e della tranquillità emotiva

  • Sentirsi sicuronessun momento della vita presenta tanta fragilità fisica e psichica, il bambino non sa chiedere sicurezza ma se ne nutre quotidianamente per poter costruire l’indispensabile capacità di interazione e adattamento all’ambiente

  • Muoversi liberamente: è solo in questo preciso momento della vita che l’essere umano acquisisce le fondamentali capacità motorie

  • Interiorizzare e produrre il linguaggio: è in questa precisa fase della vita che ciascun individuo forma la lingua ”madre”

  • Fare esperienze che coinvolgono i 5 sensi: in questa fase i bambini acquisiscono un enorme patrimonio di conoscenza grazie ad una particolare acuità sensoriale, che nella vita dell’uomo non si ripresenta più

  • Sperimentare la relazione tra coetanei: è indispensabile rispondere al bisogno sociale dell’essere umano, sin dai primi anni di vita; crescere vicini l’uno all’altro, senza tuttavia mai dover essere uguali all’altro, costruisce il fondamento della relazione positiva

  • Conquistare l’autonomia: ogni conquista di autonomia è un mattone solido per la consapevolezza del sé e delle proprie capacità

  • Costruzione del pensiero logico: ogni attività con il Materiale Montessori aiuta il bambino a organizzare logicamente le proprie azioni, costruendo una successione efficace di azioni

La Carta Nazionale del Nido Montessori